Sono sempre più numerosi i professionisti e le realtà non profit che si sono approcciati alla Theory of Change (Teoria del Cambiamento), quale metodologia per radicare la propria strategia a chiari risultati in termini di outcome, oltre che di output, e per potenziare la valutazione del reale impatto generato. Le recenti Linee guida ministeriali sul Bilancio Sociale e sulla Valutazione dell’Impatto, unite al convergere di molti grandi donatori – nazionali e internazionali – su approcci outcome driven l’hanno ulteriormente rilanciata e affermata.

Le premesse della Theory of Change

Non sempre però questo primo avvicinamento a una metodologia tutto sommato ancora “giovane” in Italia sta producendo i risultati sperati. Spesso la ragione è a monte. La ToC, infatti, funziona se, prima ancora di partire con il suo sviluppo:

  • è una scelta strutturale di chi guida l’organizzazione a tutti i livelli di responsabilità, dal Board allo staff (e ovviamente chi ha più potere decisionale ha più responsabilità nell’esito);
  • l’organizzazione si pone il preciso obiettivo di assumere nel tempo l’approccio della ToC come modalità di lavoro routinaria e sostiene le sue persone in questo processo;
  • la valutazione dei risultati e l’ascolto costante e attivo dei feedback di tutti gli stakeholders chiave (interni ed esterni) diviene una priorità assoluta, per consolidare un sistema di apprendimento e miglioramento continuo grazie ai riscontri che arrivano dal campo (mentalità “infinita” con visione a lungo termine).

Alcune criticità nell’implementazione di una Theory of Change

Ma anche una volta che si parte nello sviluppo e nella messa a terra della ToC occore prestare particolare attenzione ad alcuni aspetti potenzialmente critici:

  1. I rapporti fra i diversi livelli di Governance dell’organizzazione
  2. Il tempo e le risorse investite
  3. La partecipazione o meno di tutti i livelli organizzativi e degli stakeholders interni (dal Board ai giovani in stage, dall’amministrazione alla raccolta fondi, dalle risorse umane all’ufficio programmi/progetti)
  4. Lo stile di leadership delle persone coinvolte
  5. Le competenze presenti nei partecipanti (tematiche, in programmazione e in valutazione)
  6. Il confronto con stakeholders chiave esterni
  7. La chiara identificazione di responsabili del processo
  8. La gradualità della sua “messa a terra”
  9. La presenza o meno di un periodo di test dell’intero processo e di verifiche periodiche a stretto giro
  10. Il livello di digitalizzazione nella gestione dei dati sugli indicatori di risultato

Una masterclass per rimettere al centro il valore sociale generato

Sono ormai 5 anni che mi occupo di ToC, sia a livello di studio e di ricerca sia di implementazione presso ETS di varie dimensioni e settori. Ho avuto modo di affrontare tutte le criticità sopra elencate e ne ho tratte lezioni apprese che ho deciso di mettere a disposizione di tutti coloro che sono interessati a sfruttare l’enorme potenziale di questa metodologia. Con ricadute importanti in termini di sostenibilità economica, impatto generato, stakeholders engagement e posizionamento strategico.

Da qui l’idea di una masterclass rivolta a chi con la ToC ha già cominciato a “fare i conti” (NON quindi un corso introduttivo), e si trova ad affrontare una o più delle criticità sopra descritte.

CLICCA QUI PER COMPILARE IL MODULO DI ISCRIZIONE

La masterclass si svolge on line, sviluppandosi su 4 giovedì mattina (21-28 gennaio e 4-11 febbraio 2021) di 3 ore ciascuna (h. 10-13). Sarà possibile portare il proprio caso come materia di discussione e confronto con gli altri partecipante e sono previste brevi esercitazioni fra un modulo e il successivo, che poi costituiranno parte integrante del lavoro in presenza.

Il costo dell’iscrizione è di 500 euro netti (pari a un lordo di 610 euro). Verrà applicata la ritenuta d’acconto del 20%, SOLO nel caso in cui l’iscrizione sia effettuata da organizzazioni o da partite IVA ordinarie (SONO dunque ESCLUSE da ritenuta d’acconto le iscrizioni da privati e da partite IVA a regime forfaitario).

La cifra include i costi d’iscrizione, il materiale didattico del docente e l’attestato di partecipazione.

Le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento di 20 iscritti e comunque non verranno accettate oltre venerdì 15 gennaio, per garantire il massimo livello di relazione fra me e voi e di interazione fra i partecipanti.

Iscriviti alla Newsletter

Notizie, eventi e approfondimenti

Grazie! Ti abbiamo mandato una mail con un link per confermare la tua iscrizione.